Antichi saperi

Antichi saperi

Se bella vuoi apparire, un po’ devi soffrire…Ma davvero? Certo che no! Potremmo dire l’esatto contrario. Prossimamente con noi (almeno online, Antonella Petrucci) Vi ricordate della ballerina che non ha voluto rinunciare alla sua cistifellea? Per problemi di salute, dovevano rimuoverla. Ha firmato e s’è portata a casa la sua cistifellea malata (oggi non più). E ha deciso di agire. La malattia  le ha fatto oltrepassare il confine tra la teoria e la vita quotidiana, tra la mente e il cuore, le nozioni e il corpo. E sorpresa! Ha scoperto che agire e vivere per la propria salute, porta a miglioramenti estetici, soprattutto per quanto riguarda la pelle. Ma cosa ha fatto? Quali sacrifici, sforzi ecc ha dovuto sopportare? Beh…forse è più facile, pratico e immediato di quanto possa sembrare. Il progresso ha portato benefici incredibili, ma c’è un rovescio della medaglia. Anziché scegliere il meglio, siamo caduti nella tranello della dualità: abbiamo abbandonato antichissimi saperi, preziosi, basilari, semplici ed economici per il nostro benessere, in quanto appartenenti al “passato” o perchè non tecnologici, o ritenuti “non scientifici”: vecchi rispetto al nuovo, al Progresso, accolto invece a braccia aperte, con totale fiducia e abbandono. Ma il progresso, almeno come lo stiamo vivendo oggi ha un prezzo: il Tempo. Siamo diventati umanoidi super efficienti, iperstimolati, perennemente indaffarati. E quindi non c’è più lo spazio per prendersi cura di sè. E quando il corpo non ce la fa più…beh…neppure in questo caso possiamo fermarci troppo, bisogna ritornare in pista! E quindi abbiamo pastiglie per non sentire il dolore, il dolore che spesso è una richiesta di aiuto, un bisogno di attenzione...
LA GRANDE TARTARIA, una civiltà globale  cancellata dalla storia?

LA GRANDE TARTARIA, una civiltà globale cancellata dalla storia?

Venerdì 13 marzo ore 20.30 Presso sede SIQUT s.b., via Cal della Veia 30, Cappella Maggiore (TV), loc. Anzano All’ingresso sarà richiesto un contributo personale di 10 € per la sostenibilità dell’evento   LA GRANDE TARTARIA una civiltà globale cancellata dalla storia?   Grande Tartaria: ipotesi o realtà? Parrebbe fosse, ci racconta Tom Bosco, una civiltà estesa a livello globale, caratterizzata da splendide architetture e raffinate tecnologie, le cui tracce sono tutte intorno a noi. Se così fosse, ci chiediamo, com’è potuta scomparire? “Un appuntamento imperdibile, alla scoperta di una civiltà globale letteralmente rimossa dalla memoria collettiva, caratterizzata da una cultura inimmaginabile in base ai nostri attuali parametri. Parleremo della sua storia, della sua estensione geografica che abbracciava praticamente tutti i continenti, della sua caduta e della successiva cancellazione, col relativo subentro da parte dell’umanità attuale. Le incredibili realizzazioni architettoniche, i sistemi di illuminazione e di sfruttamento dell’energia atmosferica, alcuni eventi storici cruciali, come l’invasione della Russia da parte di Napoleone Bonaparte. Una carrellata di informazioni utili a riscoprire un capitolo fondamentale della nostra storia passata e a gettare le fondamenta di quella futura. Un nuovo mondo è possibile, perché è già esistito. Riscopriamolo insieme, per ricostruirlo con modalità del tutto nuove ma basate su modelli e conoscenze esistenti da tempi immemorabili. L’antica saggezza torna per illuminarci. Siamo pronti?” Tom Bosco Tom Bosco Attualmente vive in Sardegna. Dal 1995 editore e giornalista dell’edizione italiana della rivista NEXUS New Time, contribuisce alla divulgazione di tematiche quali l’archeologia proibita, le tecnologie soppresse, la free-energy, gli intrecci perversi tra finanza internazionale, narcotraffico, servizi segreti e terrorismo, le terapie alternative, le misteriose civiltà...
QUEL QUALCOSA IN PIU’

QUEL QUALCOSA IN PIU’

Venerdì 21 febbraio ore 20.30 Presso sede SIQUT s.b., via Cal della Veia 30, Cappella Maggiore (TV), loc. Anzano QUEL QUALCOSA IN PIU’ PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO con la partecipazione di Davide Basso e Nicole Smith Crescenti contenziosi medico – legali, numerose aggressioni di pazienti e familiari nei confronti del personale medico, eccessiva iper specializzazione che porta a concentrarsi sull’organo e non sul malato in quanto persona, burocratizzazione degli atti medici, condizioni di burn – out dei professionisti clinici, sono solo alcuni dei fotogrammi della situazione attuale presente nell’ambito medico. Il più grave effetto di tutto ciò è il progressivo allontanamento tra chi si ritrova a curare e chi si ritrova a dover essere curato, elemento che va totalmente agli antipodi di quell’”alleanza terapeutica” tanto importante in un processo di cura. QUEL QUALCOSA IN PIU’ è un film documentario che indaga la relazione tra medici e pazienti, o meglio tra persone curanti e persone malate. E’ un progetto che nasce dall’esperienza di Nicole Smith che, dopo essere stata coinvolta in un grave incidente stradale a 26 anni, ha vissuto su un letto d’ospedale per 5 mesi durante i quali ha notato come l’aspetto relazionale e comunicativo, pur essendo un ingrediente fondamentale nel processo terapeutico, purtroppo non viene “curato” come dovrebbe. Una volta guarita ha iniziato a fare ricerca contattando diverse figure esperte che potessero dare il proprio punto di vista sull’argomento e, insieme all’occhio attento e alle competenze cinematografiche del regista Davide Basso, sono riusciti a raccontare le numerose sfumature presenti in questa delicata relazione. Quel qualcosa in più ha il desiderio di essere un documentario che vada ad illuminare...
Evento annullato – Per una Bellezza “Libera e Felice”

Evento annullato – Per una Bellezza “Libera e Felice”

EVENTO ANNULLATO   Domenica 16 febbraio, dalle 14.30 alle 18.00 Presso sede SIQUT s.b., via Cal della Veia 30, Cappella Maggiore (TV), loc. Anzano Il contributo richiesto per il sostegno dell’incontro è di 27 euro. Per una Bellezza “Libera e Felice” “Bisogna togliere la cistifellea” Come reagireste a queste parole? Cosa direste a quei medici? Una ragazza ha detto no. Ha firmato e s’è portata a casa la sua cistifellea malata (oggi non più). E ha deciso di agire. Spesso viene un relatore, noi lo ascoltiamo, prendiamo appunti, applaudiamo, ci pensiamo un po’ e poi ritorniamo alla nostra vita. Con un bagaglio di conoscenze sempre maggiore. Ma a volte con un bagaglio di problemi, situazioni difficili, ostacoli vari, sempre uguale (se non peggio). Ecco. Questo accadeva anche a lei. Fino a quando la malattia non le ha fatto oltrepassare il confine tra la teoria e la vita quotidiana, tra la mente e il cuore, le nozioni e il corpo. E sorpresa! Ha scoperto che agire e vivere per la propria salute, porta a miglioramenti estetici, soprattutto per quanto riguarda la pelle. Sarà con noi domenica 16 febbraio, dalla 14.30 alle 18.00 per darci un assaggio del percorso che desidera proporre qui in associazione. E’aperto a tutti, ma in particolare alle donne. Un percorso di teoria ma di fisicità, con un importante lavoro sull’autostima, spesso punto debole del mondo femminile. A volte la donna lo subisce restando nell’ombra, a volte cerca di sopperire con la vanità dell’ego, lasciando così nell’ombra, spesso, la vera bellezza. Un percorso durante il quale sperimentare le diverse pratiche per prendersi cura della propria pelle, del...
L’ALTRA MONETA – WOMANESIMO E NATURA – DALL’AVERE ALL’ESSERE

L’ALTRA MONETA – WOMANESIMO E NATURA – DALL’AVERE ALL’ESSERE

Giovedì 13 febbraio ore 20.30 Presso sede SIQUT s.b., via Cal della Veia 30, Cappella Maggiore (TV), loc. Anzano All’ingresso sarà richiesto un contributo personale di 10 € per la sostenibilità dell’evento   L’ALTRA MONETA WOMANESIMO E NATURA – DALL’AVERE ALL’ESSERE Dopo il 2008 l’economia mondiale ha affrontato un grande cambiamento a livello finanziario: l’emissione illimitata di moneta a corso legale da parte delle banche centrali per soccorrere gli speculatori di tutto il mondo. Non solo l’economia reale, al contrario, è rimasta praticamente priva di liquidità, ma è in crisi il principale paradigma capitalistico legato al profitto. Come si stanno riorganizzando le imprese produttive? C’è speranza di un futuro? La politica può fare qualcosa? Un mondo al femminile è possibile? In che cosa sta cambiando il rapporto dell’uomo con la natura e come influisce sull’economia? Antonino Galloni è nato a Roma il 17 marzo 1953. Ha svolto attività di studio e ricerca prima e dopo la sua laurea nel 1975 in Italia e all’estero, iniziando la sua attività di docente universitario a Roma, Milano, Modena, Napoli e Cassino. Funzionario di ruolo al Ministero del Bilancio dal 1979, si è dimesso nel 1986 per insanabili contrasti con i Governi sulle politiche economiche e monetarie: durante questo periodo collabora strettamente e continuativamente col professor Federico Caffè. Nel 1989 viene richiamato ai vertici dell’amministrazione – che aveva lasciato tre anni prima – dal Presidente del Consiglio per vedersi affidato l’incarico di contribuire a cambiare l’economia italiana perché le sue previsioni sui conti pubblici, sul Debito e sull’andamento delle imprese si erano rivelate esatte. Dopo meno di due mesi di attività, a seguito...
Le 26 Forze Del Tuo Nome

Le 26 Forze Del Tuo Nome

Presso sede SIQUT s.b., via Cal della Veia 30, Cappella Maggiore (TV), loc. Anzano Per info: Regina 329 271 2823 Gennaro 393 336 1598 Quota di partecipazione 55 €   Attraverso la matematica ermetica capiremo chi siamo … e che funzioni cicliche viviamo. il nostro nome prima di essere vocali o consonanti è …numeri …che diventano simboli perché tutto è numero, è geometria. Il nostro nome è la massima veggenza di nostra madre… a sua insaputa. I nomi influiscono in qualche modo sulla nostra percezione di noi stessi? E come? Ogni suono è una vibrazione, una forma di energia. Il nostro continuo pensare a noi stessi associandoci all’energia del nostro nome, produce degli effetti? Un pomeriggio con Geraldo LaFratta dedicato alla scoperta di sè attraverso le lettere e i numeri. Uno spazio per vedere e comprendere determinate dinamiche energetiche e “materializzarle” poi attraverso i colori e la propria creatività. Ma attenzione…non sarà un percorso svolto sotto l’occhio vigile e giudicante della mente: preparatevi. Sarà la vostra parte più intuitiva, profonda e originaria a guidare mani, pennelli e colori. Come? Venite a scoprirlo, possibilmente con abiti “sporcabili”. Tutto il materiale necessario, tele, pennelli, colori ecc… verrà fornito dal conduttore del workshop. “Questo breve percorso sarà impostato sulle 26 forze che compongono la nostra vita Queste 26 forze sono le nostre vocali e consonanti Il nostro nome ha una Potenza perché è un insieme di forze ATTRAVERSO L”ERMETISMO DEI NUMERI che si trasmuteranno in vocali e consonanti PORTERÒ a vedere; il valore la Potenza ,ed il colore ,di quella vocale o consonante che sta influendo a livello ciclico la vostra esistenza...